Impetuoso come le montagne/ 2

…IMPETUOSO COME PAOLO

Questo come sapete è l’anno paolino, che ricorda il bimillenario della sua nascita, ed è un grande dono di Dio, perché davvero la Chiesa ha bisogno di un po’ di paolinismo, se mi passate il termine. Come sintetizzare la forma paolina del cristianesimo? Se Pietro incarna la stabilità, Paolo mi sembra incarnare l’impeto. Non sono contrapposti, come potrebbe sembrare a prima vista, ma complementari. L’uno ha bisogno dell’altro. La stabilità senza impeto è una immobilità glaciale, l’impeto senza stabilità si disperde in un agitarsi vano e inconcludente, che alla fine non giova a nessuno.

Paolo ha vissuto tutta la sua vita come una corsa e sono tante e toccanti nelle sue lettere le espressioni della sua “ansia pastorale” (l’amore di Cristo ci spinge, sono in debito del Vangelo verso tutti, dimentico del passato corro verso il futuro…) o i momenti in cui paragona la sua vita a quella di un atleta o di un lottatore. Questo impeto nasce da un grande amore, una passione che ci porta a vivere senza fare calcoli, senza misurare le forze.

Quanto ha bisogno di questo impeto la nostra generazione, che sopraffatta dall’ansia cerca sempre di programmare e misurare tutto e non sa più rischiare. Chi vive con impeto non ha paura delle sconfitte, sono già messe in conto, ma appunto è spinto da un amore che gli impedisce di rimanere quieto e non far nulla. Così si spende in un dono di sé crescente fino al dono del sangue, come Paolo appunto che alla fine della sua vita, ormai in prigione, impossibilitato ad evangelizzare, sa bene che gli resta solo il suo sangue da donare, come un sacrificio, come una libagione.

Una comunità carismatica o è impetuosa o non è. Credo che il Signore ha suscitato il Rinnovamento proprio perché la Chiesa aveva bisogno di questo impeto, e ne ha bisogno ancora, Dio sa quanto! E se guardo alla nostra comunità devo constatare che ultimamente il nostro impeto si sta raffreddando. Il signore ci ha dato stabilità, lode a Lui, ma questa stabilità non può portarci a perdere la nostra caratteristica più propria, stabilità e impeto devono sempre stare insieme. Abbiamo bisogno di ritrovare quella freschezza che nasce dalla passione, quella capacità di sacrificio, quell’amore che ci porta a spenderci, a immolarci, fino a dare anche noi il sangue. Il Signore non ci chiede ancora il martirio del sangue perché siamo appesantiti da troppe cose, siamo troppo attaccati a tante ancore che ci impediscono di abbandonarci al vento dello Spirito.

L’ho imparato dagli scout, quando devi viaggiare portandoti le tue cose sulla schiena impari davvero a tenere solo l’essenziale. Ma in realtà nella vita spirituale è sempre così, noi viaggiamo sempre portandoci appresso il peso di ciò che abbiamo (affetti, legami, desideri, passioni, paure, onori…), dobbiamo gettare tutto, come Paolo considerare tutto spazzatura di fronte al Vangelo.

La passione per il Vangelo ci spinge a gettare tutto pur di poterlo annunciare. Come tacere quando vediamo attorno a noi persone sempre più disperate e confuse? Come non dire quella Parola che sola può salvare quando tutti attorno a noi gridano di angoscia? Bisognerebbe avere un cuore di pietra per restare inerti di fronte a questa fame.

Così, impetuosi e saldi, stabili, ma protesi nell’amore, andiamo incontro all’uomo, al nostro tempo, alla nostra Chiesa, in cui il Signore ci ha posto per amarla e servirla, contribuendo al suo continuo Rinnovamento.

Annunci

1 Commento

Archiviato in Spiritualità

Una risposta a “Impetuoso come le montagne/ 2

  1. maria

    Grazie! Verissimo….

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...