Rivendell

Non c’è appassionato di poesia che non si sia dilettato a cimentarsi lui pure in qualche verso, versi che di solito restano sepolti nel fondo dei cassetti, perché sono ben pochi quelli che hanno il coraggio di esser poeti fino in fondo: è tanto più rassicurante la prosa!

Visto però il successo del mio tentativo di tradurre Merton mi sento incoraggiato a lasciar uscire dal mio HD qualcuno dei miei versi, se la cosa non vi dispiace.

Rivendell

"Vivono ancora coloro dei quali Luthien fu la progenitrice
e si dice che la sua stirpe non si estinguerà mai."
J.R.R. Tolkien

Antica come le cime nevose,
ridente di canti in primavera,
quando le rogge portano
il turgore della vita nuova,
sei il mio sogno, la mia attesa,
Rivendell, perfetta comunione.

Addio Gran Burrone,
sogno di terra decaduta,
addio infanzia che fuggi veloce.
Custodisci per me la speranza,
fino al giorno in cui, come Beren,
tornerò per reclamarti.

Elfi! Elfi! Perché decadeste?
Sepolto in questa città
di mercanti e ruffiani
misuro la distanza dal mio sogno
ed accarezzo, mentre scorre,
il ruvido spietato spessore del tempo.

29-9-1992
Advertisements

Lascia un commento

Archiviato in Letture, Poesia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...