Il volo del calabrone

Tutti sanno che il calabrone, a causa del suo peso e della forma delle sue ali, non può volare, ma siccome lui non lo sa continua a farlo. Mi è sempre piaciuto questo aforisma, che al di là della sua discutibile fondatezza scientifica dice che la realtà è sempre più grande delle teorie.

Sabato notte ho volato con il calabrone, ho partecipato cioè a un evento impossibile, una di quelle cose che gli scienziati ci assicurano che non possono succedere, eppure accadono quotidianamente; è infatti contro ogni teoria sociologica comunemente accettata quello che regolarmente succede a Roma ogni Sabato sera da Pasqua ad Ottobre.

Non era la nostra una società sazia e disperata? Non stavamo assistendo alla morte di Dio? Non si ripete continuamente che la generazione dei quarantenni ha voltato le spalle alla Chiesa? L’ultimo a dirlo in ordine di tempo mi pare sia stato Vito Mancuso in un’articolessa su Repubblica che proponeva come soluzione alcuni rimedi geniali, mai pensati da nessuno, come l’abolizione del celibato e il sacerdozio alle donne.

Ma intanto il calabrone non lo sa e presumibilmente neppure legge Repubblica, perché ogni Sabato sera continua a volare. Ogni Sabato a mezzanotte centinaia, a volte migliaia, di persone, in gran parte quarantenni, si danno appuntamento davanti al palazzo della FAO per percorrere a piedi, rosario alla mano, i quattordici chilometri necessari a giungere al santuario della Madonna del Divino Amore, protettrice della capitale.

Nessuna spiritualità alla moda, nessun canto accattivante, nessun teologo telegenico, nessuna concessione all’estetica, nemmeno uno di quegli “specchietti per le allodole” così spesso usati per catturare l’attenzione, il pellegrinaggio si svolge secondo lo stile più tradizionale e popolare possibile, eppure tutti partecipano con grande fervore ad una marcia oggettivamente molto faticosa.

E’ la pura fede a dare spettacolo, senza nessuna aggiunta, senza nessun additivo, la fede dei semplici, quella che non occupa le prime pagine dei giornali, quella che i saggi e i potenti non conoscono, quella che sfugge ai progetti pastorali, fatta di contraddizioni adorabili, come quella del vecchietto che non va a Messa da anni, ma ogni mese partecipa al pellegrinaggio, come quella della prostituta rumena a piedi scalzi che chiede una grazia per suo figlio e coinvolge nella preghiera decine di amici e perfino qualche cliente… è la fede che salverà il mondo.

Sabato eravamo un migliaio a cantare e pregare per le affollatissime strade di Roma (tra l’altro siamo passati accanto ad una festa dell’Unità e ad un rave party… interessante combinazione) tra lazzi e sberleffi. Questa città abituata a tutto, capace di ignorare qualsiasi cosa, ci guardava passare con stupore, ma anche, così mi pare, con rispetto, poiché a Roma lo sfottò non implica disprezzo, ma è semmai un segno di attenzione.

E’ una testimonianza oggettiva e commovente quella che si ripete ogni settimana e che porta sulla strada, nel giro di un anno, circa centomila persone, centomila calabroni che le statistiche ci assicurano non potrebbero essere lì. Eppure ci sono, a sfidare logica e sociologia ed a formare un unico grande calabrone che è l’evento pellegrinaggio.

Il dettaglio che più mi ha colpito è quello delle numerose confessioni. Non si diceva che la gente non si confessa più, che non ha il senso del peccato? Sabato sera eravamo tre sacerdoti ed abbiamo confessato in continuazione, io personalmente quindici persone in due ore e mezzo, che significa una media di uno ogni dieci minuti, il minimo indispenabile per una confessione decente.

Colpisce semmai il fatto che per mille persone fossimo solo tre sacerdoti a disposizione.

Forse i preti lo sanno di avere le ali troppo piccole, forse la leggono Repubblica, forse loro lo sanno di non poter volare.

Advertisements

13 commenti

Archiviato in Attualità, Vita da prete

13 risposte a “Il volo del calabrone

  1. Bello, bello, bello!
    E’ questo popolo che salverà i preti. 😉
    Buona settimana, don Fabio! 🙂

    Mi piace

  2. Deposuit potentes de sede… 🙂

    Mi piace

  3. 61Angeloextralarge

    Grazie ,don Fabio, per questa testimonianza. Si pensa che bisogna “attirare” le persone attraverso chissà quali metodi ingegnosi e fantasiosi, soprattutto moderni. Credo che la sola forza che attira le persone sia la preghiera, quella preghiera che trasforma per primi noi stessi e la nostra vita: poi la nostra vita attira altri. Sono d’accordo sui metodi moderni, sulla fantasia evangelizzatrice, ma credo che per evangelizzare altri posso/devo farlo con la mia preghiera e con la mia coerenza tra quello che professo e quello che faccio quotidianamente, indipendentemente dalle cadute e dai limiti umani che ci servono anche a non farci salire nell’orgoglio.

    Mi piace

  4. gabriella

    che il Signore vi benedica, sono i soldati di Dio armati di rosario e umiltà, sai che botte per
    il nemico,l’indifferenza, la suprficialità, il giudizio ecc….

    Mi piace

  5. Laura.Tassi

    Concordo pienamente con una esperienza di questo tipo è sicuramente il mezzo più semplice per aprire il nostro cuore al Signore senza ipocrisia e senza “doveri” credo almeno per esperienza diretta (in altre occasioni) sia indimenticabile,grazie!!!!! Laura (una nonna )

    Mi piace

  6. Volentieri parteciperemo a distanza a queste belle camminate di preghiera..anche noi siamo considerate un po’ dei calabroni! siamo delle carmelitane di clausura e possiamo testimoniare che il desiderio di una preghiera semplice e schietta è vivo nel cuore di molti.la nostra affettuosa preghiera è per tutti i sacerdoti: che riscoprano la grinta spirituale di essere strumenti della misericordia di Dio! se passate per Biella vi accoglieremo volentieri!

    Mi piace

  7. giuseppina

    Quando 2 o 3 persone si riuniscono per pregare il Signore è in mezzo a loro!Davvero il regno di DIo è venuto! ❤

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...