What a wonderful world

Di solito inizio le mie vacanze con due o tre giorni di una robusta cura del sonno, dedicando dalle quattordici alle diciotto ore giornaliere al letto. Per uno che durante l’anno ne dorme mediamente cinque è una necessità. Quest’anno però, iniziando la vacanza dal tour spagnolo, non è stato possibile e così quando sono arrivato qui in val d’Intelvi il mio corpo, che di solito è molto più saggio di me, si è ribellato.

Prima il colpo della strega e poi una fastidiosa febbretta mi hanno costretto all’immobilità offrendo a me la possibilità di quel sonno supplementare di cui avevo bisogno e alla splendida famiglia che mi ospita la possibilità di farmi da famiglia supplente, curandomi con amore e sollecitudine.

Così dopo tre giorni di continuo dormiveglia stanotte il mio corpo, che è sì più saggio, ma non sempre tempista, a mezzanotte ha deciso che ok avevo dormito abbastanza e non c’è stato più verso di riaddormentarmi. Ed eccomi verso le tre di notte, completamente sveglio, a passeggiare in giardino in compagnia del rosario.

Questo però mi ha dato modo di accorgermi che in quel giardino stavano accadendo delle cose sorprendenti.

Innanzitutto mi sono accertato che il torrente in fondo alla valle continuava a scorrere. Non che sia sceso in pigiama a verificare, ma mi sono fidato di quello che mi diceva il suono che sentivo. C’è qualcosa di magico nel suono dell’acqua. Perfino il mio orecchio malato di curato di città, dopo aver capito che non dipendeva da un rubinetto chiuso male, ha riconosciuto in esso qualcosa che richiamava l’origine stessa della vita, che mi faceva sentire cullato e protetto. E così quel giardino iluminato dalla luna è diventato subito per me un seno materno, era davvero come essere rientrati nel grembo della madre per poi rinascere (Gv. 3,4). Con il vantaggio non trascurabile poi, che nel giardino, a differenza del seno materno, potevo anche fumare.

Naturalmente se si sentiva l’acqua del torrente potete figurarvi che non si sentiva assolutamente nient’altro, a parte forse un cane che borbottava in distanza. Il silenzio della notte in montagna è splendido e solenne. Non è assenza né vuoto, ma attesa, spazio di una promessa, futuro che si apre dinanzi. è la precondizione della Rivelazione, la quinta scenica di Dio, la premessa della comunione

Quando poi ho alzato gli occhi al cielo ho visto sopra di me la Via Lattea. Normalmente nel cielo cittadino, inquinato da migliaia di stelle artificiali, non la si vede, o la si nota a malapena, invece stanotte, grazie anche al temporale che aveva appena finito di pulire l’aria, risaltava splendida, come un velo d’argento, come una coperta tirata sulla culla che era improvvisamente diventata quel giardino.

Mi è venuta in mente una splendida ninna nanna calabrese e non mi vergogno a dirvi che me la sono cantata da solo, per poi rientrare e addormentarmi come un bimbo. Giurerei di aver sentito anche una carezza sulla fronte prima di dormire.

P.S.

Dopo aver letto l’articolo vi suggerisco di clicare sulla foto per ingrandirla e godervi così lo spettacolo straordinario della via lattea, come si vede dalle alpi.

5 commenti

Archiviato in Umorismo, Vita da prete

5 risposte a “What a wonderful world

  1. ricciola

    Quando si depongono gli affanni e le angosce ma ci si affida al Padre nella preghiera, allora percepiamo la bellezza del creato che ci circonda. NEl silenzio si percepisce l’azione Divina e la presenza di Colei che riconduce i figli a GEsù: Maria, Regina della Luce e delle Stelle. Solo così ci sentiamo abbracciati e amati. Il silenzio è un’esperienza forte che auguro a tutti.

    Mi piace

  2. 61Angeloextralarge

    Il colpo della strega, come ti ho già detto, non te lo invidio, ma il resto sì!😉

    Mi piace

  3. eli

    dolce ninnananna. che bella la natura, i profumi della notte. ( il fumo però…?)

    Mi piace

  4. Bella la via lattea,bello il racconto .
    Tutto è veramente bello quando si ha DIO nel cuore.
    Tutto è bello quando lasciamo che sia il cuore a parlare.

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...