Sottomissione urticante

index

Il grande merito di Costanza Miriano, a mio avviso, è quello di aver avuto il coraggio di affrontare di petto il più grande idolo del nostro tempo: un ego immenso, sproporzionato, che campeggia al centro dell’orizzonte e ci rende incapaci di vedere nulla che non sia nel nostro proprio interesse.

Henry Nouwen già negli anni ’70 notava che il grande male del nostro tempo è l’ipertrofia dell’ego, da allora questo ego gigante è cresciuto ancora, siamo tanto imbevuti di chiacchiere sul benessere, sull’autonomia, sulla necessaria realizzazione di sé, che abbiamo messo i nostri bisogni al centro dell’universo e poi ci meravigliamo se il mondo è diventato un posto in cui vivere è impossibile!

Il recente tentativo di boicottaggio che “Sposati e sii sottomessa” ha subito in Spagna in questo senso è esemplare. Sono rimasto impressionato dalla totale incapacità degli interlocutori di capire ciò di cui si stava parlando, in particolare di capire che per noi cristiani l’umiltà, che ha la sottomissione come suo necessario pendant operativo, è veramente un valore, l’incapacità cioè di capire che davvero vogliamo che il nostro ego sia messo un po’ da parte e che nessuno, proprio nessuno, ne fa una questione di sessi (forte contro debole e stupidaggini del genere) perché in una comunità di cristiani, come è una famiglia, non può che valere la corsa verso l’ultimo posto e quindi il rifiuto radicale di ogni rivalità e competizione.

Il culmine del grottesco a mio parere lo ha toccato un sacerdote, che non nomino per Carità cristiana, che in un commento su FB si spingeva fino a violentare il testo biblico definendo Maria come l’umile-non-sottomessa (che è poi un ossimoro che non significa nulla, un po’ come un cerchio quadrato), come se esistesse una “vera” umiltà che non consiste nell’abbassamento di sé e nella ricerca dell’ultimo posto. Abbiamo tanta paura di contristare lo spirito del mondo che non ci facciamo nessuno scrupolo di contristare lo Spirito di Dio. Lo dico con vergogna: come siamo deboli!

Ma cosa sarà la corsa all’ultimo posto, cosa sarà il gareggiare nello stimarsi a vicenda (Rom. 12,10), cosa sarà il considerare in tutta onestà l’altro migliore di sé (Fil. 2,3), se non un gioioso sottomettersi l’un l’altro per amore di Cristo (Ef. 5,21)? E cosa resta dell’umiltà se le togliamo la sottomissione? Solo un vago sentimentalismo temo, incapace di convertire un cuore e senza nessuna fecondità.

L’umiltà, la sola che esista, resta invece la più profonda e vera virtù cristiana, è l’anima e il principio di tutte le virtù, è quella che accende l’amore di Dio verso di noi, come mirabilmente insegna S. Bernardo. Senza umiltà (e quindi senza sottomissione) nessuna virtù è virtuosa, nessun bene è duraturo, nessuna relazione è stabile.

La sgangherata campagna d’odio contro il libro di Costanza mostra un nervo scoperto, echeggia il rifiuto demoniaco dell’umiltà, quel grido “non serviam” al suono del quale Lucifero fu precipitato, per questo dico che il grande pregio (forse involontoario, almeno all’inizio) del lavoro di Costanza è di aver portato il dibattito nel suo centro esatto, lì dove si gioca la vera partita in questione, che è poi quella del senso della vita, se cioè abbia più senso una vita spesa nel servizio o una vita spesa nella costante ricerca di sé e del proprio benessere.

Varrà allora la pena di ricordare che nella lettera ai Filippesi S. Paolo lega inscindibilmente umiltà e gioia, che non c’è vera gioia senza umiltà, perché solo chi è umile è capace di gratitudine e di stupore, che sono poi la materia prima della gioia.

Insomma in una parola il paradosso cristiano è che solo chi si sottomette può essere felice! Perché come dice il padre Dante “E ‘n la sua volontade è nostra pace” (Paradiso III,85). Costanza non fa altro che applicare questo ragionevolissimo principio, universalmente condiviso nella spiritualità cristiana, al matrimonio.

Advertisements

12 commenti

Archiviato in Attualità, Spiritualità

12 risposte a “Sottomissione urticante

  1. 61Angeloextralarge

    Ottimo post Smack! 😀
    ! Di sacerdoti come quello ho una certa paura perché non capisco mai da che parte stanno. Prego perché si “convertano” alla parola di Dio e non alla “Parola di Dio secondo me”.

    Mi piace

  2. Stefania Cristiana Villa

    Mi chiedo come mai se Papa Francesco parla di amore, di umiltà e misericordia non viene frainteso ma anzi riesce sempre a fare breccia e a destare attenzione nel cuore di tutti, anche dei non credenti, anche parlando di argomenti impopolari e scomodi. Forse perché resta fedele al messaggio autentico di Cristo e ha uno sguardo amorevole verso tutti, anche e soprattutto verso i “distanti” da Dio. Non vede un mondo di giusti e un mondo di
    indemoniaticome fanno certi cristiani.

    Mi piace

    • Che Papa Francesco non venga frainteso resta tutto da dimostrare, a me sembra invece che molti (a partire dal direttore di Repubblica, che lo ha candidamente ammesso) gli facciano dire ciò che vogliono

      Mi piace

      • Stefania Cristiana Villa

        Abbiamo tutti modo di ascoltare il Papa dalla sua viva voce e possiamo leggere i suoi libri senza affidarci a interpretazioni altrui. Lui porta argomenti scomodi, smaschera le nostre ipocrisie è chiaro e puro nel cuore, nel pensiero, non fa sconti a nessuno di noi ma ha la misericordia nel cuore e guarda tutti con questo sguardo così avvicina la gente a Dio e non crea scontri perché non fa sentire nessuno rifiutato. È la potenza dell’amore attraverso la misericordia e l’umiltà. Più ci sentiamo giusti e migliori degli altri fratelli e figli del Padre più ne siamo carenti. Difendero’ sempre il fatto che siamo figli di un Padre buono e misericordioso, che ci ama tutti e non vuole vedere dita puntate fra di noi, quello lo farà Lui, alla fine di tutto e dopo averci insegnato, corretto, amato, educato come solo Lui sa fare.

        Mi piace

  3. Pingback: Sottomissione urticante

  4. alessandra

    bellissimo e dolce commento, forte di convinzione edi tanta ragione,
    cara Stefania , anch’io ho sofferto di questo rifiuto, in pagine e da voci creistiane, come me, ma che giudicano e a parole anche se forse non nel cuore, disprezzano e fustiano. Grazie

    Mi piace

    • Stefania Cristiana Villa

      Alessandra mi commuove ciò che dici, grazie a te, al tuo bel cuore. In tutti c’è male, paura ma anche tanto bene e amore. A me fa bene ascoltare il Papa: mi ha fatto abbassare la cresta!!!..e gioire!!

      Mi piace

  5. Pingback: Anonimo

  6. Pingback: Sottomissione urticante

  7. Giampiero

    Bel colpo don Fabio! Ho girato il tuo articolo all’interno del partito Popolari Liberi e Forti. L’ “età della discontinuità” parte dalla discontinuità culturale che non ci fa capire chi siamo, perché non sappiamo più da dove veniamo. E così sale l’angoscia di non capire dove stiamo andando e, soprattutto, dove vorremmo andare; dove è il nostro bene?
    Le risposte più semplici, laterali, inutili consistono in una, cento, mille fuorvianti ” campagne d’odio”, facili da manipolare con cura scientifica, in un terreno fertilizzato dalla programmata ignoranza post-sessantottina.
    Avesse ragione Stefano Zamagni che, parafrasando l’Americano a Roma di Alberto Sordi, dice spesso “a noi Italiani ci hanno rovinato Croce e Gentile”…

    Mi piace

  8. Pingback: Elogio della sottomissione | La fontana del villaggio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...