Prometto di onorarti

inizia-il-rito-del-matrimonio-fabriano

Accanto alla mia Parrocchia ha la sua bottega un pasticciere, la cui abilità è seconda solo alla generosità, visto che praticamente ogni giorno ci fornisce le paste per la mensa dei poveri, così che siamo forse l’unica mensa Caritas della capitale dove al termine del pranzo i poveri hanno paste fresche. A volte esagera perfino, e così mi trovo costretto a gestire delle meravigliose eccedenze, e per non rischiare il diabete mi faccio aiutare in questo (come in altre cose) dalle Apostole della Vita interiore.

Così, Domenica, mentre le novizie erano impegnate nel ritiro di cui Sabina vi ha già raccontato, ho portato loro i “generi di conforto” per allietare la condivisione di fine ritiro.

Ne è nata una lunga e bella chiacchierata con Sabina stessa, in un ancora piacevole pomeriggio autunnale, mentre i bimbi giocavano intorno a noi nel parco adiacente e le mamme esibivano con orgoglio pance e passeggini.

     «Sai?» ho esordito «qualche giorno fa mi è capitato di celebrare un anniversario di matrimonio e giunto al momento di far loro rinnovare le promesse mi sono fermato e mi son chiesto, ma cosa significa onorare? Già, perché questi due han promesso a Dio di amarsi e ONORARSI tutti i giorni della vita, ma lo sanno cosa hanno promesso? Ci sarà ancora qualcuno, in questo mondo senza onore, capace di onorare? E secondo te, che sei donna, cosa significa per una donna onorare un uomo? E tu, come donna, da quale uomo ti sentiresti onorata? Cosa dovrebbe fare un uomo per onorarti?»

Sabi è molto più riflessiva di me, che sono tendenzialmente un istintivo, e quindi sulle prime si è limitata a guardarmi in silenzio, come se mi chiedesse: «e secondo te?»

     «Per me – ho detto – c’è un aspetto pubblico e uno più intimo e privato e bisogna considerare entrambi: onorarti in pubblico significa lodarti, parlar bene di te… ma quanti sposi lo fanno? A volte sembra quasi che traggano un sottile piacere dalla denigrazione del coniuge, come se in qualche modo volessero con questo affermare una proprietà: “è roba mia e la tratto come voglio”»

     «Vabbè dai, non essere così negativo – mi ha interrotto – a volte è più una forma di pudore, come un voler mascherare i propri sentimenti»

     «Giusto – ho ripreso io – ma ci sarà una differenza tra il pudore e la denigrazione no? Posso accettare che non si voglia lodare troppo la moglie o il marito, ma perché non perdere occasione per sottolinearne i difetti o metterla in ridicolo?»

     «A volte è come un gioco»

     «Sì, ma non è un bel gioco, e poi bisogna pure vedere se l’altro non si fa male e magari subisce e non dice niente pro bono pacis»

Dopo qualche istante lei ha ripreso…

     «Parlavi anche di un aspetto intimo, privato…»

     «Sì: è il riconoscimento della preziosità dell’altro, in questo senso ha inevitabilmente a che fare con la stima. Non posso cioè onorare una persona se non la stimo. Per sposarsi non basta amarsi, occorre anche stimarsi, ma secondo te quante coppie che stanno insieme si stimano anche?»

     «Hai ragione, la stima dell’altro è fondamentale, perché la consapevolezza di essere prezioso ai suoi occhi ci fa aprire gli occhi sul nostro stesso valore: se tu, che stimo tanto, mi stimi, allora capisco che forse valgo davvero qualcosa.»

    «Molti soffrono perché non hanno avuto o sentito la stima dei genitori, ma l’onore che ti dà tua moglie può compensare questa ferita, è come una seconda possibilità che la vita ci offre, un’occasione di riscatto.»

    «E solo un marito o una moglie può fare questo, la stima degli altri non vale, perché nessuno ti conosce davvero. Solo la stima di uno che sa tutto di te, eppure ti stima lo stesso, è degna di nota»

   «Già, perché il mondo ti onora per ciò che fai, solo una moglie ti onora per ciò che sei.»

Mentre i bambini continuavano a ciangottare intorno a noi, il parco si andava colorando di un tramonto glorioso. Ho approfittato allora di una pausa di silenzio per ripetere la mia domanda:

    «Sì, però tu non hai ancora detto la tua. Cosa è per te l’onore? Quale sarà quel valore radicale, insito in noi, che possiamo onorare sempre, a prescindere da ciò che facciamo? Cosa onorare nell’altro tanto da farci dimenticare le sue inevitabili piccinerie e fragilità quelle comuni a tutti gli umani?»

    «Bhe, innanzitutto, per dirla con Chesterton, il fatto che magari tuo marito non è il “grande” che avrebbe potuto essere, ma sicuramente è un grande “avrebbe-potuto-non-essere”. Insomma, il semplice e definitivo e radicale miracolo della sua esistenza, il fatto che questa persona non solo esiste, ma è per me. In un mondo di persone chiuse in se stesse, quest’uomo mi ha notato, mi ha guardato con amore e senza chiedere nulla in cambio si è donato a me. È l’esperienza di Robinson Crusoe quando incontra Venerdì: in quel naufragio generale che è il mondo c’è un altro con cui condividere la vita. Non è per niente scontato, e non è vero che se non ci fosse stato lui un altro avrebbe preso il suo posto. Anche questo non è per nulla ovvio.»

    «Hai ragione, per questo ogni uomo è immagine di Dio: perché c’è. O non è l’esserci il primo attributo di Dio, tanto primo da essere addirittura scritto nel suo nome? Nome che, bada bene, è solo malamente tradotto con “Io sono”, che sarebbe assai meglio tradurlo “Io ci sono”, cioè non semplicemente “io esisto”, ma “io sono qui per te, accanto a te”. Insomma, essere è niente, bisogna esserCi.»

    «Che bello, – ha interloquito Sabina – vedi come sta diventando ricco il nostro tema? Onorare il marito è onorare Dio, perché è onorare l’immagine di Dio che egli è»

    «Certo, ogni uomo deve essere onorato in quanto immagine di Dio, ma quanto più questo concreto uomo che ti è stato donato? Mia moglie mi è stata donata da Dio, ed onorarla quindi significa anche onorare il Donatore.»

    «E promettere di onorare l’altro significa impegnarsi a cercare e sottolineare in lui quei tratti, quelle caratteristiche per cui somiglia maggiormente a Gesù. Significa potergli dire: “tu mi ricordi Dio”»

    «Facciamo ancora un passo avanti – ho suggerito io – l’onore, secondo me, ha anche a che fare con la sottomissione, nel senso di Costanza dico, sai quanto mi è caro questo tema»

    «Io direi di più, direi che ha che fare con la regalità. Si onora il re»

    «O la regina»

    «O la regina, certo. Costanza ha proprio ragione: per me, donna, onorare il marito è lasciargli il ruolo di guida nella famiglia»

    «E per me, uomo, onorare la moglie è servirla, appunto come fosse una regina. È così bello, quando si ama, cedere il passo, lasciare che lei cresca ed io diminuisca, avere più piacere dei suoi successi che dei miei»

Pian piano il parco si andava svuotando, eppure noi, senza accorgerci di nulla, continuavamo a chiacchierare fitti fitti

    «Ma non dimentichiamo qualcosa in tutto questo? – ho soggiunto io – L’onore di Dio? Voglio dire, la Bibbia dice che solo a Dio va reso onore…»

    «Sì, ma mica che onorando il marito non rendi onore a Dio, l’abbiamo detto prima… e poi Dio non è geloso, per fortuna.»

    «Anche perché c’è ancora una cosa da dire: l’onore ha a che fare con la vocazione alla santità: voglio dire, onorare il marito significa onorare il santo che sarà»

    «Che magari ancora non è, ma che i miei occhi innamorati già vedono….»

    «E significa anche volerlo percorrere insieme questo cammino, a volte correndo a volte annaspando, a volte trascinando l’altro, a volte seguendolo a fatica, ma sempre insieme.»

Alla fine è giunto il tempo di rientrare al nostro dovere quotidiano, ma con la sensazione che in quella conversazione ci fosse un angelo tra noi due: quanto era presente Dio su quella panchina!

7 commenti

Archiviato in Spiritualità

7 risposte a “Prometto di onorarti

  1. Chiara

    Questo post mi colpisce nel profondo…. “onorare il marito significa onorare il santo che sarà”… penso che questo possa essere il fine di una vita. Diminuire per far crescere l’altro, vedendo che le sue ferite sono le mie, le sue cadute diventano anche le mie, amarlo perchè si ama il suo destino, come fosse il mio. Grazie Don Fabio, Dio è grande (anche perchè mi ha fatto incontrare lei!). Chiara

    Liked by 1 persona

  2. Patrizia

    Sfrutto questo testo come regalo di compleanno per mio marito, non sono così brava con le parole! 🙂

    Mi piace

  3. Sara

    Questo racconto mi ha fatto commuovere…pensando che il mio fidanzato e io abbiamo deciso da poco di sposarci…mi riempie il cuore di gioia, perché leggendo ho visto noi due…e per un attimo anche quello che saremo. Grazie!

    Liked by 1 persona

  4. Bella questa conversazione!
    Secondo me, però, a differenza di quanto scritto, Dio È geloso (“io, il Signore tuo Dio, sono un Dio geloso”, Dt 5,9). È
    Ci ha creati per Lui, e non ci dà pace fino a quando non siamo con Lui, pur con tutti i nostri peccati e difetti.
    Ma siccome un pezzetto di Dio abita in ciascuno di noi (si chiama Spirito Santo), ecco che onorare l’altro rende onore anche a Dio…

    Mi piace

  5. Martina

    Grazie da parte di una moglie…. grazie infinite per questa condivisione.

    Liked by 1 persona

  6. A volte “onorare” (nel senso di lodare) l’altro in sua presenza – moglie, marito, o chi sia – può avere le sue controindicazioni o i suoi secondi fini…
    Di certo farlo in sua assenza è rendergli onore.

    Per un marito e una moglie diviene insopportabile a lungo andare non sentirsi “stimati”, anche quando l’altro/a giura di “amarti”.

    E’ invece misura di un amore profondo il sentirsi “accettati”, accolti e perdonati.

    Mi piace

  7. Dio, che è un “Dio geloso”, lo è solo quando amiamo qualcuno più di Lui.

    Ed è geloso a nostro beneficio.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...