Messaggio da Aleppo

CattedraleAleppo-bombe

Voglio provare ad usare questo blog come strumento di preghiera e condivisione, vi giro quindi la mail ricevuta da fr. Ibrahim, un mio amico ad Aleppo. Ve la inoltro così come è, senza alcun commento, solo per dare voce alla sua richiesta di preghiere.

Qui un articolo che riporta il fatto e più sotto la lettera di fr. Ibrahim

P.S. Non avendo a disposizione immagini dell’attentato attuale ne ho scelta una relativa al bombardamento della cattedrale armena avvenuto nel Gennaio di quest’anno

—————————

Aleppo, domenica 25 ottobre 2015

Fratelli carissimi,
dopo molteplici tentativi falliti di danneggiare la nostra chiesa di san Francesco, cattedrale latina d’Aleppo ad Azizieh, questo pomeriggio dei gruppi jihadisti sono riusciti nell’intento di colpire la cupola della chiesa, durante la santa Messa vespertina parrocchiale delle ore 17:00.

Questo è accaduto mentre mi apprestavo a distribuire la santa Comunione. Dobbiamo ringraziare il Signore poiché la cupola ha retto il colpo esploso all’esterno, non riuscendo a penetrare nella chiesa. C’è stato un minuto di vero panico, in cui la terra tremava senza sosta e non si vedevano che polvere attorno a noi e travi e calcinacci che ci cadevano addosso.

Nonostante tutto ciò, grazie a Dio, ci sono state soltanto due persone ferite leggermente. Siamo usciti tutti rapidamente nel giardino, per ringraziare insieme il Signore dello scampato pericolo, procedere con la distribuzione della santa Comunione e terminare la santa Messa con la Benedizione solenne. Non riusciamo a smettere di lodare e ringraziare il Signore che ha impedito ci fossero dei morti!

Il tentativo di distruggere la cupola durante la santa Messa parrocchiale della domenica sera, quando la Chiesa era affollata di fedeli, non è stato una pura coincidenza. Soprattutto il fatto che tutti noi ci siamo salvati non è stato un caso: eravamo infatti protetti sotto il mantello della nostra Madre celeste Maria.
Speriamo che finisca tutto questo caos e speriamo di riuscire presto a parlare di questi fatti come cose del passato, senza la paura che si possano ripetere in qualsiasi momento.

Pace e bene!

frate Ibrahim

Nota d’aggiornamento: abbiamo scoperto che le persone ferite leggermente sono sei, mentre una persona, comunque cosciente, è in condizioni di maggiore gravità e sotto accertamenti medici più approfonditi. Per quanto consiste la dinamica dell’attentato, ora sappiano che si è trattato del lancio di una bombola di gas la quale, dopo aver urtato la cupola danneggiandola, è rotolata sul tetto della chiesa ricoperto con tettoie d’argilla (tegole), dove è esplosa. I danni sulla tettoia sono enormi e i vetri della chiesa sono andati tutti completamente distrutti!

9 commenti

Archiviato in Attualità

9 risposte a “Messaggio da Aleppo

  1. Martina

    Sarete sicuramente nelle nostre preghiere, coraggio!

    Mi piace

  2. Non se ne vede una fine purtroppo…
    Veramente bisogna affidarsi, offrire e pregare.

    Mi piace

  3. Come dimenticarci di voi mentre preghiamo? Le nostre invocazioni per voi si fanno più intense. Che Dio vi protegga SEMPRE!

    Mi piace

  4. Max

    Preghiamo la nostra Mamma Celeste, affinché “dall’inciviltà dell’individualismo, dell’utilitarismo, degli interessi contrapposti, dei nazionalismi esasperati, degli egoismi eretti a sistema” (Paolo VI) si riesca ad abbattere questi muri che ci rendono prigionieri per entrare nella “Civiltà dell’Amore”.

    Mi piace

  5. L’ha ribloggato su Luca Zacchi, energia in relazionee ha commentato:
    Pregando per i cristiani di Siria e per tutti i cristiani perseguitati nel mondo per la loro fede. Ringraziando il Signore che ha protetto i suoi fedeli. Pregando per la conversione dei cuori e delle vite di chi ha cercato di distruggere la chiesa e di uccidere il corpo dei membri della comunità.

    Liked by 1 persona

  6. Guido Mastrobuono

    Ok con la preghiera: però, secondo me, sarebbe importante anche incominciare a diffondere un po’ di conoscenza.

    In Siria i ribelli, tutti più o meno diversamente moderati, tutti comunque finanziati da USA, Israele, Turchia ed Arabia Saudita, si stanno adoperando allo sterminio dei cristiani.

    Sarebbe importante discutere del motivo per cui entità statali (dai disinformati) ritenute cristiane come gli USA stiano adoperandosi allo sterminio dei cristiani.

    Penso che in parrocchia dovremmo anche discutere di storia, attualità ed economia del martirio di tutti questi nostri fratelli.

    Sarebbe un bel modo di rendere loro giustizia ed onore.

    Guido

    Mi piace

    • Max

      Sono perfettamente d’accordo. La “misinformation in war” è una delle cose peggiori e gli esempi nella storia non si contano. Sarebbe più che opportuno il dialogo nelle parrocchie, al di là delle ideologie, nel quale si tenga conto delle persone nella loro realtà.

      Mi piace

  7. Guido Mastrobuono

    L’ha ribloggato su Delusi dal Bamboo ma comunque felicie ha commentato:
    Ok con la preghiera: però, secondo me, sarebbe importante anche incominciare a diffondere un po’ di conoscenza.

    In Siria i ribelli, tutti più o meno diversamente moderati, tutti comunque finanziati da USA, Israele, Turchia ed Arabia Saudita, si stanno adoperando allo sterminio dei cristiani.

    Sarebbe importante discutere del motivo per cui entità statali (dai disinformati) ritenute cristiane come gli USA stiano adoperandosi allo sterminio dei cristiani.

    Penso che in parrocchia dovremmo anche discutere di storia, attualità ed economia del martirio di tutti questi nostri fratelli.

    Sarebbe un bel modo di rendere loro giustizia ed onore.

    Guido

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...