È nato!

IMG_3813

Finalmente l’editrice Àncora mi ha mandato le copie del mio libro.
Per tenere basso il prezzo di copertina ho scelto di rinunciare al servizio di distribuzione, questo significa che potete acquistarlo in tre modi: 1) direttamente in una libreria Àncora (ce ne sono cinque in Italia, nelle maggiori città), 2) chiedendo al vostro libraio di fiducia di ordinarlo all’editore (ma in questo caso suppongo che si allunghino i tempi) oppure 3) per via postale direttamente dal sottoscritto.

Se scegliete questa terza via potete averlo inviandomi in privato l’indirizzo a cui spedirlo e pagando via paypal sul mio conto: paypal.me/FabioBartoli

Grazie dell’attenzione con cui seguite il mio lavoro

2 commenti

Archiviato in De oves et boves

2 risposte a “È nato!

  1. 61angeloextralarge

    Ottimo! Me lo procurerò! Smack al tuo lavoro nella vigna del Signore. 😀

    Mi piace

  2. Giampiero Cardillo

    Carissimo Fabio,
    ti vorrei proporre una rapida integrazione della tua ultima fatica editoriale circa quanto sta accadendo in questi ultimi mesi e giorni.
    La “terza guerra mondiale a pezzi”, come la chiama il Papa, è a una svolta.
    Bruxelles è anzitutto la sede NATO, oltre che della Commissione e di altri organismi EU.
    Una guerra dichiarata NATO, a guida USA, che sarà combattuta soprattutto nelle più vicine Siria e Libia, oltre che nei lontani Iraq, Angola e Yemen, era già stata decisa all’inizio di febbraio dai ministri della difesa EU.
    10 milioni di profughi sono pronti a fuggire. Filtrati in parte dalla Turchia (appalto vinto mesi orsono), dovranno comunque arrivare fra noi.
    Il bel tempo e il mare più tranquillo della primavera-estate aiuteranno l’esodo.
    La guida evangelica del magistero della Chiesa, in tempi di guerra conclamata, è stata in ogni epoca un up (o down) grade di quella esercitata in epoche di pace o, almeno, in epoche di guerre lontane dai “nostri giardini.”
    Abbiamo già in casa europea 5000 combattenti armati ostili.
    Faranno “sentire” la guerra anche nelle nostre strade, mentre saremo impegnati nell’azione diretta, a pochi minuti di aereo supersonico dalle nostre terre, per patti (atlantici) da rispettare.
    Di seguito ti allego un breve articolo, molto interessante, pubblicato ieri su Dagospia ( (larghissima diffusione).
    Triduo permettendo, una riflessione,un indirizzo, una guida, un codice di comportamento credo sia utile che tu possa donarcelo.

    QUI RADIO WASHINGTON, PARLA LUTTWAK: “A CHE SERVE BOMBARDARE L’IRAQ? COSTA MENO SGANCIARE SU MOLENBEEK. ACCOGLIERE GLI ISLAMICI IN EUROPA È UNA SCELTA MORTALE. GINO STRADA? UN UTILE IDIOTA, UTILE AI TERRORISTI. MAOMETTO HA STUPRATO, PARDON, FATTO SESSO CON UNA BAMBINA DI 9 ANNI. QUESTO È L’ISLAM”

    24 mar 2016 18:59
    “Se volete un conflitto permanente potete aumentare ancora il numero di islamici presenti. Finora avete fatto così, ma non è casa mia, io sono americano. Voi li invitate con grande entusiasmo, è la vostra scelta. E’ una questione di tempo, è una scelta mortale. Forse volete convertirvi all’islam”… –

    Edward Luttwak show a La Zanzara su Radio 24 sugli attentati di Bruxelles: “L’Isis non esiste, esiste lo Stato islamico, cioè l’Islam che è una religione che mobilita, una religione che porta all’estremismo. Lo Stato islamico aderisce alle regole dell’Islam, non sono una banda di criminali, ma persone che seguono le indicazioni dell’Islam”.

    “Prendete l’Iran – dice Luttwak – dove un uomo può sposare una bambina di sette anni e avere rapporti sessuali a nove anni. Vogliono copiare l’uomo perfetto, Maometto, che ha fatto la stessa cosa. E anche la legge saudita permette di sposarsi a sette anni e stuprare, pardon, avere rapporti sessuali come il Profeta, a nove anni”.
    “Chi propone le moschee – aggiunge ancora Luttwak a La Zanzara – deve saperlo, l’Islam vuole mobilitare le persone per arrivare alla vittoria. Le autorità di Molenbeek hanno deciso di trasformare la città in un luogo largamente islamico e di conseguenza ci sono predicatori che non predicano buddismo ma islamismo, dove c’è l’obbligo di salvare l’umanità portando l’Islam ovunque”.

    Luttwak parla all’Europa: “Se volete un conflitto permanente potete aumentare ancora il numero di islamici presenti. Finora avete fatto così, ma non è casa mia, io sono americano. Voi li invitate con grande entusiasmo, è la vostra scelta. E’ una questione di tempo, è una scelta mortale. Forse volete convertirvi all’islam. Quando vedo che il Papa li invita, apre le braccia, presidenti e primi ministri e preti dicono che è una religione di pace, chi può essere contro la pace? Voi avete deciso che volete islamizzare l’Europa, perché è una religione di pace. Se in Nigeria e nelle Filippine non è così, sarà un caso, una coincidenza”
    Bisogna bombardare lo Stato Islamico? “No, quella è una ideologia. Si può risparmiare carburante e soldi, non andare fino in Mesopotamia. Si può bombardare Molenbeek. Evidentemente questi funzionari europei che passano le giornate a regolare le dimensioni del tappo delle bottiglie non si sono accorti che si stava preparando un campo armato davanti ai loro occhi.
    E che ne pensa di Gino Strada?: “Strada è quello che gestiva l’ospedale in Afghanistan ed era fiero di curare i talebani che poi uscivano dall’ospedale e ammazzavano di nuovo. Non ho la sua levatura morale, per lui tutto è uguale, lo stato islamico è uguale alla croce rossa svedese. Per lui non ci sono terroristi. Ai tempi del comunismo li chiamavano utili idioti. L’Islam non si accorge di Gino Strada, ma lo chiamerebbero un utile idiota, un termine tecnico. Utile ai terroristi”.r

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...