La famiglia è un mistero (Amoris Laetitia capitolo 1)

marc-chagall-1

Vi propongo una lettura ragionata della Amoris Laetitia. Non un semplice commento, ma una lettura capitolo per capitolo: penso infatti che sia un documento troppo denso per essere commentato nel breve spazio di un articolo. Se Dio me ne dà forza (e tempo) seguiranno quindi una serie di articoli che aiutino ad una lettura ragionata del testo.

Nella sua mirabile storia della Chiesa Yves Congar definisce i primi quattro secoli “l’era del mistero”, non nel senso che la parola mistero ha assunto dopo l’illuminismo di “qualcosa che non può essere conosciuto”, ma piuttosto nel senso originario che la parola mysterion aveva nel mondo antico, qualcosa cioè che non può essere definito, qualcosa di cui non si può parlare al modo cartesiano, con idee chiare e distinte.

Nei primi quattro secoli cioè la Chiesa non si è preoccupata di spiegare il cristianesimo, ma di viverlo e a chi chiedeva di rendere ragione della fede non proponeva una metafisica, ma un’esperienza, non una teoria, ma un incontro. Credo che il tempo in cui viviamo, che è decisamente post-metafisico, richieda un approccio simile: non è questo il tempo di rinchiudere il dogma in una serie di definizioni che possono essere brillanti ed esaustive (anche perché non lo saranno mai abbastanza, altrimenti vorrebbe dire che il dogma è solo umano e non divino), ma sono inevitabilmente morte; piuttosto è l’ora di far brillare il dogma nella vita, di mostrare, non di dimostrare, di alludere e non di spiegare, di suscitare un desiderio e non di imporre catene.

Il Santo Padre è del tutto consapevole di questa necessità e tutto il suo lavoro apostolico è da inscrivere in questo orizzonte. L’esortazione AL è interamente figlia di questa mentalità: il Papa non vuole spiegare cosa è la famiglia, anzi fin dall’inizio dell’esortazione chiarisce bene che la AL è un momento di un processo che dura da tempo e non vuole concluderlo e che anzi è da valorizzare la varietà di esperienze e culture che costituiscono la Chiesa. Ciò che non bisogna chiedere al documento quindi è la risposta  che squadri da ogni lato/ l’animo nostro informe, e a lettere di fuoco/ lo dichiari e risplenda come un croco/ perduto in mezzo a un polveroso prato” (Montale).

Ci sono due domande sbagliate da fare a questo documento e leggerlo partendo da una di queste due domande significa condannarsi a non capirlo. La prima è la domanda moralista: “Cosa dobbiamo fare?” e la seconda è la domanda metafisica “Cosa è la famiglia?” Sia il tradizionalista che cerca nella AL le tracce delle passate definizioni metafisiche sia il progressista che cerchi l’autorizzazione a fare tutto ciò che vuole resteranno delusi e tenteranno in diversi modi quindi di stirare il documento fino a fargli dire ciò che non dice. Il punto è che questo testo chiede di essere approcciato in un altro modo, a partire cioè dall’esperienza, non è un ragionamento astratto sulla famiglia, ma una riflessione sulla esperienza umana della famiglia, per come è illuminata dalla Parola di Dio. Non si tratta quindi di un invito a ragionare, ma di un invito a vivere, non lo si capisce senza essere innanzitutto padri e madri, senza aver vissuto in prima persona ciò di cui il Papa parla.

Più che una definizione magisteriale quindi è una catechesi mistagogica, un gigantesco “vieni e vedi” detto al mondo intero che più non sa declinare la parola famiglia. Vieni, conosci il mistero della famiglia cristiana da dentro, a partire dall’esperienza, e poi, forse, potremmo preoccuparci dei limiti, dei paletti e delle definizioni.

Sono appena al primo capitolo nella lettura, ma sono già del tutto affascinato. Se mi seguirete spero di dipanare con voi questa mirabile catechesi.

Nel primo capitolo il Santo Padre parte dalla fecondità, egli interpreta la famiglia innanzitutto a partire dalla fecondità e questo mi sembra già molto interessante, perché subito dice che al centro della famiglia c’è un atto di amore totalmente disinteressato, che è l’atto generativo, la partecipazione all’opera creatrice di Dio. Solo a partire da questo amore gratuito si può comprendere la spinta ad essere famiglia e la definizione stessa di uomo, privata di questo slancio di dono, risulta mozza e mancante. Si spiega che l’uomo è imago Dei perché è fecondo: “la fecondità della coppia umana è immagine viva ed efficace, segno visibile (sacramento!) dell’atto creatore” (AL 10) addirittura “La capacità di generare della coppia umana è la via attraverso la quale si sviluppa la storia della salvezza” (AL 11)

Molte volte il santo Padre è tornato sul tema della fecondità, in particolare rivolgendosi ai consacrati e alle consacrate, a cui più volte ha detto che non basta essere vergini, ma occorre essere vergini E madri, che la verginità senza maternità è un atto pagano, solo unita alla maternità la verginità diventa un mistero cristiano. Sottolineo questo per dire che la fecondità che ha in mente il Santo Padre pur essendo primariamente quella genitale non si ferma a questa, ma ha in vista un orizzonte ben più ampio, tanto è vero che include in essa anche il dovere della formazione dei figli (AL 17-18) e l’esperienza del lavoro umano (AL 23-26).

E qui si inserisce il mistero cristiano: Dio ha voluto legare la fecondità all’amore, la generazione all’unione coniugale, in modo che non ci sia fecondità che non nasca dall’unità, in modo che nessuno possa essere padre o madre da solo. Le idee possono avere un solo padre, perché sono sterili, ma i figli necessitano di un padre e di una madre, cioè di una coppia, di una polarità, di una comunione! Non solo l’unione sessuale quindi, ma quella comunione di cuore ed anima di cui l’unione dei corpi è solo il sacramento: “il verbo unirsi indica una stretta sintonia, una adesione fisica ed interiore, al punto che si usa anche per descrivere l’unione con Dio” (AL 13). Questa è il principio di ogni fecondità!

Per questo la mensa eucaristica diventa l’orizzonte ultimo della famiglia. In un certo senso si può dire che come il pane e il vino prefigurano fin dall’inizio il mistero dell’Eucaristia, così la famiglia contiene in sé, nella sua radice, il concetto stesso di Chiesa. È nella sua stessa scaturigine il trono e la porta attraverso cui Cristo entra nel mondo: “Così si delinea una casa che porta al proprio interno la presenza di Dio” (AL 15)

Tutto questo sta nel mistero della coppia umana, sta cioè racchiuso in quel mistero di tenerezza che è l’abbraccio umano. Generare, educare, lavorare sono attività umane, le più importanti forse, ma traggono il loro senso cristiano da questo legame d’amore, dal fatto cioè che si svolgono dentro questo abbraccio, dentro questo orizzonte di tenerezza.

Per oggi mi fermo qui, se vi interessa il mio commento alla AL restate sintonizzati, senza impegno man mano che vado avanti nella lettura (faccio il parroco dopotutto, non il teologo) commenterò anche i capitoli successivi.

Advertisements

5 commenti

Archiviato in Attualità, Spiritualità

5 risposte a “La famiglia è un mistero (Amoris Laetitia capitolo 1)

  1. Luca Zacchi

    L’ha ribloggato su Luca Zacchi, energia in relazionee ha commentato:
    Sto leggendo anche io il documento, capitolo dopo capitolo, con calma. Sono a metà del capitolo ottavo (in totale i capitoli sono nove). Più lo leggo e più trovo utili spunti di riflessione e di preghiera. Leggere le riflessioni di Fabio sicuramente mi aiuterà ad aprrezzarlo ancora meglio.

    Mi piace

  2. Luca Zacchi

    Completamente d’accordo con questa affermazione: “Più che una definizione magisteriale quindi è una catechesi mistagogica, un gigantesco “vieni e vedi” detto al mondo intero che più non sa declinare la parola famiglia. Vieni, conosci il mistero della famiglia cristiana da dentro, a partire dall’esperienza, e poi, forse, potremmo preoccuparci dei limiti, dei paletti e delle definizioni.”. Il vero problema è che questo tempo con il mistero non vuole avere a che fare, ne è attratto e spaventato al tempo stesso e quindi lo rifiuta.

    Liked by 1 persona

  3. L'aquila

    L’ha ribloggato su Come un Aquila.

    Mi piace

  4. Rocco

    Grazie DonFa, ti seguirò nel tuo percorso con tanto interesse.
    Grazie!
    Rocco

    Mi piace

  5. Fiorella

    Grazie don Fabio,
    ho desiderato tanto trovare un aiuto fidato per conoscere AL…………………
    e oggi trovo i tuoi commenti! Io ti seguirò, grazie

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...