Archivi categoria: Piccole storie nobili

#diconocheèrisorto

Un’imperdibile Paolo Pugni!

il blog di Costanza Miriano

di Paolo Pugni

Certo che sono forti questi discepoli, dovremmo imparare da loro l’onestà intellettuale. Sono sconvolti, lo dicono loro, abbattuti e anche un po’ indisposti da questo viandante che si affianca a loro sulla strada per Emmaus. Che già se oggi sei lì che cammini a testa bassa e triste e ti si avvicina uno che ti chiede come va, e non sai chi sia, è un “foresto”, lo mandi a stendere. Che accidenti vuoi? diresti. Invece loro lo accolgono, magari per deriderlo un pochino, lo prendono per un tonto, uno che sta fuori dal mondo, magari non è neanche su Facebook, non c’ha l’account Twitter e non sa nulla di #gerusalemmeGesùcrocifisso che è stato il trand più seguito degli ultimi giorni. E calano l’asso: #diconocheèrisorto. Ma le donne eh? Non ci allarghiamo, che non si sa mai quello che dicono.

View original post 428 altre parole

Lascia un commento

Archiviato in De oves et boves, Piccole storie nobili

Quanto è bella Valentina (e quanto è bello Attilio)?

IMG_2014

Qualche giorno fa ho accennato alla gioia e allo stupore con cui alcune coppie che preparo al matrimonio scoprono la castità prematrimoniale. Alcuni si sono sentiti così provocati da questa frase da raccontare la loro esperienza, dolorosa. Credo allora che sia bello mostrare come le cose possono andare diversamente. Continua a leggere

5 commenti

Archiviato in Piccole storie nobili, Spiritualità, Vita da prete

Natale con i Rom

bambini_rom

No, non è il titolo del nuovo cinepanettone di Neri Parenti, ma la storia che mi scrive una lettrice del blog, così bella che sento di doverla pubblicare, ovviamente rispettando la privacy. Continua a leggere

2 commenti

Archiviato in Piccole storie nobili

Chi salva una vita salva il mondo intero

m-COVER-ANNA-FOA-220x330c

Il prete romano è una figura caratteristica. Un modello sacerdotale ben definito.

Generalmente, pur essendo colto, non è un intellettuale. Anzi, si distingue per la sua vicinanza alla gente, per essere uno del popolo. E’ un uomo “de core”, come si dice a Roma, uno che si intenerisce facilmente, che sa d’istinto che “la misericordia copre una moltitudine di peccati”, che generalmente in nome della misericordia sa asservire le regole alla concretezza del bene. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Attualità, Letture, Piccole storie nobili, Vita da prete

Nel deserto dei mercati

Sarà stato perché la gran parte degli operatori dei mercati generali sono di lingua araba, sarà stato perché era tantissimo tempo che non celebravo la Messa da solo o forse perché durante la celebrazione invece che da un coro gregoriano l’accompagnamento era fornito dal rumore dei carrelli e dalle grida dei venditori, fatto è che nella mia prima Messa da cappellano dei Mercati Generali (un benefit connesso per motivi storici con l’essere parroco di S. Benedetto) mi sono sentito irresistibilmente come Charles De Foucauld nel deserto di Tamanrasset. Continua a leggere

5 commenti

Archiviato in Attualità, Piccole storie nobili, Vita da prete

…mi dipingono così

Nella mia parrocchia il sultanato dei lettori è una fortezza praticamente insepugnabile. Quando non ci sono le Apostole della Vita Interiore, che per inderogabile disposizione del parroco hanno sempre la precedenza, i lettori (o meglio sarebbe dire le lettrici) si alternano nelle diverse Messe secondo un ordine di beccata non scritto, ma stabilito con rigore ferreo. Continua a leggere

4 commenti

Archiviato in Piccole storie nobili, Umorismo, Vita da prete

La prova

Chi non ha sentito vacillare la sua fede di fronte al mistero della morte di Chiara? Chi non ha sentito scosse fin dalle fondamenta le certezze di una vita? Dov’era la bontà di Dio? Dove la sua giustizia? Come si può inserire questa morte in una idea razionale e ordinata del cosmo e dell’esistenza umana stessa?

Continua a leggere

68 commenti

Archiviato in Piccole storie nobili, Spiritualità