Un uomo estremo

Antonio_monda_indegno_1462456477

Prima di decidere di farmi prete avevo preso solo un’altra decisione con eguale convinzione: quella di uccidermi

Il prete è un uomo estremo. Lo è sempre, anche quando ha abbandonato i suoi ideali e i suoi sogni. Il suo protendersi dentro il mistero lo pone suo malgrado al di sopra della mediocrità e perfino quando di per sé sarebbe un vigliacco e un mediocre, come don Abbondio, il suo carattere sacerdotale ne fa un mediocre estremo, un campione di mediocrità, per così dire. Continua a leggere

Annunci

1 Commento

Archiviato in Attualità, Vita da prete

Pietre e mattoni

L’articolo pubblicato ieri e la discussione successiva su Facebook mi hanno riportato alla mente questo vecchissimo articolo che scrissi 6 o 7 anni fa sulla bellezza della differenza… enjoy

 

Uscite, popolo mio, da Babilonia

Forse perché gli ricordano la schiavitù in Egitto, fatto sta che i mattoni non devono piacere molto a nostro Signore. Tutte le volte che nella Bibbia si parla di una costruzione solida si dice che è fatta di pietre, mentre invece le case di mattoni fanno inevitabilmente una brutta fine.

Ma cos’ha il mattone per essere tanto antipatico a Dio?

View original post 446 altre parole

1 Commento

Archiviato in De oves et boves

Amo la Chiesa tutta intera

scheda_immagine_id218

Amo la Chiesa, tutta intera.

Amo la Chiesa nella sua varietà ed infinita poliedricità, amo la Chiesa in ogni sua forma e manifestazione, perfino quando è peccatrice, forse anzi di più, se è vero che davvero ami la tua sposa solo e soltanto quando sei capace di amarne anche limiti e difetti. Continua a leggere

5 commenti

Archiviato in Attualità

Il personal trainer della fede

Naples-Fl-personal-training

Ieri Aleteia ha pubblicato un mio articolo sulla direzione spirituale. Nella sostanza il testo che avevo mandato è stato rispettato, però non mi piace la divisione in sottotitoli (che capisco necessaria in una pagina web, ma in realtà dal mio punto di vista non facilita la lettura), quindi ve lo ripropongo così come l’ho scritto. Continua a leggere

1 Commento

Archiviato in Spiritualità

Buon compleanno a don Fabio, nocchiero del Cielo

È stata un’estate così piena di cose che quasi son contento di tornare alla ferialità (che grazie a Dio non è mai routine): ho letto su Facebook che don Fabio Bartoli diventa cappellano d’ospedale e da quel giorno ho desiderato di congratularmi con quella che considero in qualche modo un’onorificenza, un autentico “scatto di carriera”. Quando…

Sorgente: Buon compleanno a don Fabio, nocchiero del Cielo

3 commenti

Archiviato in De oves et boves

La sesta tromba

normansAvete mai letto il diario di Mara Cagol?

È una lettura istruttiva, perché ci insegna come pensa un terrorista. Continua a leggere

16 commenti

Archiviato in Attualità

Il lavoro del prete

59650AG

Come è interessante il linguaggio!

Le parole sono scivolose, non sono ferme e stabili nel loro significato nel tempo e a seconda di chi le usa acquistano significati diversi, a volte perfino contraddittori, a volte poi la gente non fa la fatica di andare oltre l’apparenza e cercare di capire in che senso l’altro le usi, se poi pensiamo che ormai la cortesia di un credito di fiducia anticipata non si dà più a nessuno, specialmente in rete, si capisce facilmente come soprattutto su FB si finisce a volte con l’insultarsi come pescivendole (con tutto il rispetto per i venditori di pesce, è un modo di dire che solo chi è stato al mercato del pesce di Genova può capire) perfino tra persone che in realtà la pensano allo stesso modo. Continua a leggere

10 commenti

Archiviato in Vita da prete